Scarica la nostra App

Piante stagionali


  • Queste piante hanno una prima fase di crescita nella quale si dedica la maggior parte delle energie all’irrobustimento di radici e chioma; successivamente le energie si spostano sulla produzione dei semi, fondamentali per garantire la sopravvivenza della specie.

    Il periodo che intercorre tra la germinazione e la fase finale di essiccamento della pianta si chiama stagione vegetativa (da qui il nome “stagionali”).

    Esistono alcune specie di biennali, in grado di fiorire l’anno seguente la semina. Un’altra tipologia di piante sono quelle perenni nel loro paese di origine, ma vengono trattate da annuali poiché non sono in grado di resistere a lungo alle nostre temperature rigide della stagione invernale.

    Queste regalano una bellissima fioritura nella stagione calda, per poi chiudere il ciclo vitale in autunno. C’è anche la possibilità di conservare queste piante in serre durante la stagione invernale, anche se solitamente si preferisce riacquistarle di anno in anno.

    Si devono acquistare piante con un buon sviluppo vegetativo; queste saranno infatti in grado di adattarsi con maggiore facilità ai diversi ambienti, in più regaleranno un numero più ampio di fiori.

    Controllate anche il fogliame, è un ottimo indice per stabilire lo stato di salute della pianta se questo è danneggiato l’esemplare non è sano. Va anche controllato lo stato delle radici: la pianta infatti deve avere già un buon apparato radicale sviluppato per lavorare al meglio e non avere traumi di rinvaso o trapianto.

    Visualizza l'elenco completo sulla nostra applicazione