La primavera ci regala ottimismo ed energia e ci invita a riscoprire tutti i piaceri della vita a contatto con la natura in casa, balcone, giardino e orto. Un mondo di sapori e colori ci aspetta: basta la voglia di mettere in campo la creatività e la fantasia, da soli, con gli amici, in famiglia e con i bambini. In primavera, grazie alle piante, agli ortaggi e alla passione per il giardinaggio, possiamo ottenere preziose soddisfazioni quotidiane dal nostro verde. Un verde da curare e condividere con chi amiamo, ogni giorno. Ecco 8 consigli utili e fondamentali per per scegliere e coltivare fiori, ortaggi, aromatiche e tante idee per rendere accogliente e godibile lo spazio esterno.

  • Tra marzo e aprile si possono acquistare e piantare i tuberi e bulbi di piante a fioritura estiva e autunnale: gladioli, gigli, dalie, canne d’India, begonie tuberose e numerose altre specie anche insolite, come l’eremurus che forma un fiore a spiga e l’agapanto che fa grandi infiorescenze sferiche.
  • Piantate tuberi e bulbi in terriccio nuovo, universale o per piante da fiore. Assicuratevi che ci sia drenaggio (in vaso, stendete uno strato di biglie d’argilla sul fondo).

Consigliati per te: Gladioli e canne d’india, facilissimi – Basta mettere i bulbi e tuberi in vaso per veder crescere rapidamente queste piante che hanno una lunga fioritura e apprezzano il pieno sole, da irrigare con regolarità.

Consigliati per te: Agapanto ed eremurus, insoliti – L’agapanto forma infiorescenze tonde, bianche o lilla. L’eremurus ha spighe alte e flessuose che durano a lungo e fioriscono da metà a fine estate, al sole, con innaffiature generose.

 Bagnare quanto e come:

  • Le piante irrigate correttamente nella fase primaverile non solo crescono meglio e più rapidamente, ma sono anche meno sensibili al caldo e siccità estiva.
  • Occorre innaffiare regolarmente, con acqua non troppo fredda, preferibilmente di sera o di prima mattina. Anche le spruzzature (nebulizzazioni) sul fogliame vanno fatte con regolarità.
  • Non dimenticate di innaffiare un poco prima di rinvasare (il terreno deve essere umido, non fradicio né disidratato).
  • Se le piante sono acidofile (azalee, camelie, ortensie, gardenie…) l’acqua va lasciata decantare una notte nell’innaffiatoio; se possibile, raccogliete e riutilizzate l’acqua piovana, che non è calcarea.

 

  • Formale o informale?

Le siepi formali sono quelle geometriche e potate in forme squadrate. Occupano poco spazio, sono sempreverdi e folte, ideali per creare schermi molto efficaci. In genere le piante da utilizzare (bosso, tasso, ligustro…) possono costare di più rispetto alle piante utilizzate per siepi informali. Richiedono potature frequenti.

Le siepi informali comprendono specie da fiore e da frutto, responsabili della variazione stagionale, sempreverdi e cespugli da fogliame. Saranno arricchite da farfalle e uccellini che vi trovano rifugio e cibo. Richiedono spazio e non sono molto esigenti in quanto a cure e potature (sufficiente un intervento autunnale).

  • Come e quando piantare

La primavera è il momento ideale. Le siepi informali, con specie arbustive diverse tra loro, si piantano normalmente su due file in modo sfalsato. Solo così si ottiene rapidamente un effetto folto e ben articolato. Le siepi geometriche si piantano su una singola fila. Indispensabile irrigare molto nei primi due-tre anni.

Per i bambini, verdure extra veloci:

I bambini (e spesso anche gli adulti) hanno poca pazienza. Per soddisfare il loro desiderio di raccogliere verdure pronte in pochi giorni, che davvero crescono sotto gli occhi, ecco le soluzioni.

  • Lattuga Foglia di Quercia: in soli 10 giorni, le prime foglie si possono già raccogliere;
  • Lattuga Gentilina e Lollo: pronta in 30-40 giorni dal trapianto;
  • Lattuga Canasta: si raccoglie nel giro di 25-40 giorni;
  • Bietole da foglia: in soli 20-25 giorni vengono pronte le prime foglie da mangiare crude in insalata;
  • Valeriana: da seme, cresce nel giro di due-tre settimane;
  • Rapanelli: in 30-40 giorni dalla semina sono pronti da raccogliere;
  • Vasetti di aromatiche miste: le prime foglie da assaggiare sono subito pronte;
  • Piantine di pomodori con frutti: subito pronti, continuano a produrre per settimane;
Tag:
Share